31 Marzo 2020

Il movimento Zero Waste in pillole

Oltre otto milioni di tonnellate di plastica, soprattutto usa e getta, finiscono nei nostri oceani ogni anno.

Inquinamento da plastica

Oltre otto milioni di tonnellate di plastica, soprattutto usa e getta, finiscono nei nostri oceani ogni anno.

L’equivalente di un camion di rifiuti viene riversato in mare ogni minuto.

Le materie plastiche sono entrate a far parte della nostra quotidianità relativamente da pochi anni eppure l’abuso del loro utilizzo (in particolare negli imballaggi), costituisce una delle più grandi sfide che le nuove generazioni oggi devono affrontare.

Importante da ricordare è che non tutti i tipi di plastica sono riciclabili e quelli che lo sono possono esserlo solo un numero limitato di volte: la tipica bottiglietta d’acqua, se riciclata, diventa materiale per un maglione sintetico che, una volta buttato, non è più riciclabile.

Si parla quindi più propriamente di downcycle perché non si ottiene la stessa qualità dopo il riciclo.

Questo non succede per materiali come vetro e alluminio, riciclabili infinite volte.

In risposta a ciò si è costituito il movimento “plastic-free” (senza plastica) che mira quindi a ridurre il più possibile la nostra dipendenza da questo materiale.

Se da un lato l’inquinamento da plastica è evidente, dall’altro non bisogna dimenticare che in alcuni casi questo materiale e in generale l’usa e getta, rimangono le uniche scelte possibili: un esempio lampante è l’utilizzo di guanti e siringhe monouso nell’ambito medico-sanitario.

Non solo plastica

Il problema dei rifiuti va ben oltre alla sola plastica: il consumismo sfrenato ci porta ad acquistare sempre di più e contemporaneamente il valore e la vita degli oggetti diminuiscono.

La cannuccia ne è un caso emblematico, il suo utilizzo dura solo qualche minuto prima di diventare rifiuto non riciclabile.

Lo Zero Waste (zero rifiuti) è un movimento internazionale che ha come scopo quello di ridurre gli sprechi e tutti i tipi di rifiuti non necessari.

Sebbene in modo più invisibile, anche materiali riciclabili come carta, legno, tessuti, alluminio e altri metalli contribuiscono al cambiamento climatico.

Nella produzione di qualsiasi nuovo oggetto, infatti, vengono prodotti rifiuti e inquinanti, emessa anidride carbonica, consumate materie prime ed energia.

Dalla teoria alla pratica

Lo scopo principale dello stile di vita Zero Waste è di avvicinarsi quanto più possibile al concetto di economia circolare seguendo le 5 R promosse dall’Unione Europea:

  • Rifiutare,
  • Ridurre,
  • Riusare,
  • Riciclare,
  • e Ridurre in Compost.

Si può notare che riciclo sia quindi fondamentale ma è solamente al quarto posto; non può più essere usato come scusa per giustificare la quantità allarmante di rifiuti prodotta oggi.

L’impatto del singolo

La perfezione non esiste, per quanto ci possiamo impegnare non è possibile produrre zero rifiuti e zero sprechi.

Zero Waste infatti non è un unico obiettivo finale, bensì un percorso diverso per ciascuno di noi.

Sono i piccoli cambiamenti quotidiani a fare la differenza, soprattutto quando riusciamo a farli diventare abitudini.

Zero Waste è per chiunque voglia mettersi in gioco e contribuire nel suo piccolo a questa grande rivoluzione.

In base alle nostre capacità e disponibilità economiche, di tempo e di energia possiamo partire da ciò che ci è più facile per trovare le soluzioni più adatte.

Ci capiterà sicuramente di fare errori e a volte di tornare indietro sui nostri passi ma va bene così.

Ciò che ci traina è la voglia di contribuire al cambiamento, non ci resta che cominciare!

 

Caro bollette e risparmio energetico: t’illumini di meno

Un tema particolarmente sentito in queste settimane in cui il caro bollette e gli scenari energetici globali sono tutt’altro che rassicuranti. L’attenzione a questo tema si deve anche alla campagna italiana “M’illumino di meno”, lanciata ormai nel 2005 dal programma Caterpillar e da Rai Radio2. Anche ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, ha aderito a questa edizione di “M’illumino di meno”, pubblicando una guida per un uso intelligente dell’energia. Ecco qualche consiglio utile nell’immediato e qualche raccomandazione per il lungo periodo.

1 Aprile 2022

10 abitudini per ridurre lo spreco alimentare in cucina

Dimenticati in fondo al frigo, lasciati nel piatto, rimasti nell’ultimo ripiano della dispensa: quante volte ci siamo trovati a buttare a malincuore il cibo scaduto? Per sensibilizzare i consumatori che vivono in un mondo dove ancora oggi circa tre miliardi di persone non possono permettersi almeno un pasto sano al giorno, la FAO, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, ha stilato a una rapida guida per aiutare i cittadini e le cittadine ad adottare un comportamento etico e sostenibile nei confronti della propria spesa e dell’ambiente. Si tratta di piccoli gesti per correggere le cattive abitudini quotidiane che, però, possono avere davvero un enorme impatto globale. Eccone alcuni.

1 Marzo 2022

Essere una Famiglia green. Da dove iniziare per una vita più sostenibile

Sono in costante aumento le persone che cercano, attraverso gesti quotidiani, di ridurre il proprio impatto su questo mondo, già troppo destabilizzato da continui comportamenti sbagliati. Ma lo stile di vita sostenibile è quasi una regola quando si diventa genitori, azioni che per noi sono relativamente nuove, come la raccolta differenziata, devono apparire normali ai nostri figli affinché la nostra sia una famiglia green a tutti gli effetti. Al giorno d'oggi è possibile insegnare a tutta la famiglia a vivere in modo più sostenibile avendo solo qualche accorgimento.

1 Aprile 2021