15 Ottobre 2020 /Luca Conti

5 alimenti per cambiare la tua vita in meglio

Introdurre nella dieta quotidiana qualche piccolo accorgimento ci aiuta ad aumentare la qualità della nostra vita e a vivere in salute più a lungo

5 alimenti per cambiare la tua vita

La salute è la conseguenza delle nostre abitudini più frequenti. Ciò che mangiamo contribuisce a come ci sentiamo fisicamente e mentalmente e ci aiuta a rallentare il processo dell’invecchiamento, con tutte le conseguenze che è facile immaginare. Introdurre nella dieta quotidiana qualche piccolo accorgimento ci aiuta quindi ad aumentare la qualità della nostra vita e a vivere in salute più a lungo. Basta poco per sentirsi meglio. I 5 alimenti che suggerisco di introdurre nella tua dieta sono facili da reperire e, salvo uno, sono disponibili tutto l’anno nei principali punto vendita o su internet.

Noce brasiliana

La frutta a guscio, ormai è risaputo, è un complemento fondamentale di una dieta equilibrata. Nel suo insieme permette di aggiungere minerali e acidi grassi (omega 3 e omega 6) associati al benessere e alla longevità. Perché introdurre una noce esotica, quando abbiamo mandorle e noci nostrane e più economiche?

La noce brasiliana, studi scientifici alla mano, può dare una mano a far scendere naturalmente il colesterolo LDL, senza l’uso di costosi farmaci con effetti collaterali. Basta una noce brasiliana al giorno – lo studio ha dimostrato un effetto positivo anche con una noce alla settimana – per generare un calo del colesterolo nel sangue. Una volta provate, il problema diventa un altro: sono così buone che il rischio è di mangiarne troppe. Oltre ad avere un alto contenuto di calorie, le noci brasiliane hanno un alto contenuto di selenio. Una noce ha selenio sufficiente per coprire interamente il fabbisogno giornaliero del nostro corpo, pari a 55 microgrammi (mcg) al giorno. Le autorità regolatorie consigliano di non superare i 400 mcg al giorno, pari a circa 4-5 noci.

Photo by <a href="https://foter.co/a5/76adfc">wuestenigel</a> on <a href="https://foter.com/re7/16a73d">Foter.com</a> / <a href="http://creativecommons.org/licenses/by/2.0/">CC BY</a>
Photo by wuestenigel on Foter.com / CC BY

Lievito alimentare

I vegani lo conoscono bene, perché spesso lo usano come alternativa al parmigiano su un bel piatto di pasta fumante. Il lievito alimentare (in fiocchi) è un insaporitore, che può essere utilizzato sulla pasta, in minestre, su insalate e tante altre ricette, dolci inclusi. Una delle buone ragioni per consumarlo abitualmente è che si trova in commercio arricchito di vitamine del gruppo B. L’altra, ancora più interessante, è il suo effetto sul sistema immunitario. Uno studio scientifico ha dimostrato che il consumo giornaliero di lievito alimentare potenzia le difese immunitarie, riducendo il rischio di contrarre malattie. Di questi tempi è un valido alleato per affrontare a testa alta la stagione invernale e prevenire i principali malanni di stagione, incluso il raffreddore.

Photo by <a href="https://foter.co/a5/a21851">wuestenigel</a> on <a href="https://foter.com/re7/16a73d">Foter.com</a> / <a href="http://creativecommons.org/licenses/by/2.0/">CC BY</a>
Photo by wuestenigel on Foter.com / CC BY

Zenzero

Lo zenzero è un antinfiammatorio conosciuto da secoli. In commercio lo puoi trovare come radice fresca, da usare per estratti e frullati, oppure in polvere nello scaffale delle spezie. Da evitare lo zenzero candito, ché contiene sostanzialmente solo zucchero e una minima quantità di zenzero che non ha alcun effetto benefico, considerando l’effetto ossidante dello zucchero. Se non hai a portata di mano la radice fresca e un estrattore o un frullatore ad alta potenza, lo zenzero macinato è equivalente a una medicina naturale a cui puoi fare affidamento ogni volta che tu ne senta il bisogno. Dopo aver letto una ricerca secondo la quale basta una punta (un ottavo, per essere precisi) di un cucchiaino di zenzero in polvere per far passare il mal di testa in 30 minuti, ho provato e ho riscontrato lo stesso effetto. Se ami lo zenzero come me, puoi anche aumentare la dose e godere dell’effetto antinfiammatorio su tutto il corpo. Considerando l’assenza di effetti collaterali e il costo irrisorio, invece di andare in farmacia vai al supermercato e rifornisciti di zenzero. Vale la pena.

<span>Photo by <a href="https://unsplash.com/@lawaritao?utm_source=unsplash&utm_medium=referral&utm_content=creditCopyText">Lawrence Aritao</a> on <a href="https://unsplash.com/?utm_source=unsplash&utm_medium=referral&utm_content=creditCopyText">Unsplash</a></span>
Photo by Lawrence Aritao on Unsplash

Aceto di mele

L’aceto di mele ha un gusto particolare e proprietà uniche. Basta un cucchiaio di aceto a pasto – ottimo pretesto per mangiare sempre un’insalata o un po’ verdura – per godere di benefici che possono essere raggiunti soltanto con costosi farmaci e prescrizioni mediche, che non sono comunque efficaci su tutti i pazienti a cui vengono somministrati. L’aceto, come dimostrano numerosi studi scientifici, ha la magica proprietà di ridurre l’assorbimento di zucchero e il picco glicemico dopo i pasti. Un’ora dopo il pasto il livello di trigliceridi scende altrettanto velocemente. Il risultato è che si abbassa il colesterolo e si riduce il rischio di sviluppare il diabete. Niente affatto male! Considerando l’accessibilità e il costo irrisorio, l’aceto è uno degli alimenti più importanti per la prevenzione.

Photo by <a href="https://foter.co/a5/adc965">Veganbaking.net</a> on <a href="https://foter.com/re7/16a73d">Foter.com</a> / <a href="http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0/">CC BY-SA</a>
Photo by Veganbaking.net on Foter.com / CC BY-SA

Cavolo nero

L’uncio della cinquina che non è disponibile tutto l’anno, merita comunque una segnalazione. Il cavolo nero fa parte della famiglia delle crucifere, verdure con proprietà antiossidanti tali da meritare un posto nella dieta quotidiana. Il cavolo nero, nello specifico, ha dimostrato di essere capace di ridurre il colesterolo totale, il colesterolo LDL e il livello di zucchero nel sangue (glicemia). Lo puoi stufare con i legumi e la polpa di pomodoro o utilizzare come ingrediente in estratti e frullati. Nei supermercati si trova in quantità limitata e te ne consiglio l’acquisto e il consumo ogni volta che puoi. Le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte in Italia con oltre 600 decessi ogni giorno: perché non ridurre il rischio e adottare uno stile di vita sano e gustoso, inserendo qualche alimento in più nella nostra dieta? Prevenire è facile e fa bene anche al portafogli.

Essere una Famiglia green. Da dove iniziare per una vita più sostenibile

Sono in costante aumento le persone che cercano, attraverso gesti quotidiani, di ridurre il proprio impatto su questo mondo, già troppo destabilizzato da continui comportamenti sbagliati. Ma lo stile di vita sostenibile è quasi una regola quando si diventa genitori, azioni che per noi sono relativamente nuove, come la raccolta differenziata, devono apparire normali ai nostri figli affinché la nostra sia una famiglia green a tutti gli effetti. Al giorno d'oggi è possibile insegnare a tutta la famiglia a vivere in modo più sostenibile avendo solo qualche accorgimento.

8 Aprile 2021 / Angelica unastoriagreen

Bambini Green: consigli per crescere bambini che rispettino l'ambiente

Un bambino green è, prima ancora di essere rispettoso dell’ambiente, un bambino sorridente e che si sente al sicuro. Ogni bimbo ha diritto di esserlo, così come ogni genitore ha il dovere di prendersi cura di lui e dell'ambiente che lo circonda. Perché la natura ci regala una gioia indescrivibile e in cambio chiede solamente rispetto e cura.

15 Marzo 2021 / Angelica unastoriagreen

Il benessere passa per un microbiota soddisfatto

Come avviene per tutte le specie, animali e vegetali, anche l'uomo ha una relazione speciale, simbiotica, con un vasto insieme di microorganismi. I miliardi di batteri che vivono all'interno del nostro stomaco, noti come microbiota umano (o flora intestinale), sono responsabili di metabolizzare, detossificare e collaborare attivamente a vari processi che compongono il modo in cui ci nutriamo. Fare in modo che i batteri buoni vivano e prosperino è nel nostro interesse, perché ciò significa che possono aiutarci a rafforzare il sistema immunitario, migliorare la digestione e l'assorbimento di nutrienti, sintetizzare vitamine, inibire la crescita di possibili patogeni. Se i batteri cattivi prendono il sopravvento sono guai: a essi è associata la produzione di sostanze cancerogene, di tossine, l'insorgenza di infezioni e disturbi nella digestione.

8 Marzo 2021 / Luca Conti