16 Giugno 2020 /Luca Conti

La magica dozzina

La dozzina che ti far star bene: 10 alimenti e 2 abitudini per il benessere quotidiano

L’alimentazione è un fattore chiave nel determinare il tuo benessere psicofisico. Avere un regime dietetico equilibrato è il segreto per vivere in salute più a lungo. Districarsi tra centinaia di consigli online, la dritta dell’amica che ha funzionato, il libro del (presunto) esperto che ti tenta in libreria, non è per niente facile. Soprattutto, la domanda da porsi alla fine è: c’è qualche prova scientifica che funzioni, al di là delle credenze popolari e degli aneddoti positivi? Spesso i medici di famiglia e i nutrizionisti professionisti non riescono a stare al passo con le nuove evidenze scientifiche pubblicate dalle riviste internazionali più prestigiosi. Cosa fare quindi? L’ideale sarebbe seguire una fonte documentata sul piano scientifico e facile da capire. Esiste?

La dozzina del Dott. Greger

NutritionFacts.org è un sito no profit che ha esattamente l’obiettivo di divulgare ricerche scientifiche sulla nutrizione, così da metterne in pratica gli insegnamenti. Anni di esperienza hanno permesso al Dott. Greger, il medico nutrizionista che ha ideato questo sito, di suggerire una dozzina di consigli da mettere in pratica ogni giorno, in maniera semplice e pratica. Si tratta di 10 alimenti che non devono mancare dalla tua dieta, più due comportamenti. Vediamoli insieme.

Frutti di bosco e altra frutta

In Italia la raccomandazione generale è di consumare 5 porzioni di frutta e verdura al giorno. Il Dott. Greger suggerisce di andare oltre, con una porzione di frutti di bosco e 3 di altra frutta di stagione, meglio se biologica. I frutti di bosco – fragole, mirtilli, more, lamponi – hanno proprietà uniche che li distinguono dall’altra frutta, ragion per cui andrebbero aggiunti alla dieta quotidiana. Non è facile averne freschi e locali in tutte le stagioni, ma è facilissimo mangiare altre 3 porzioni di frutta. Una porzione è da intendere come una quantità che sta in un pugno chiuso, o un frutto intero, se più grande.

Legumi e cereali integrali

I legumi sono il formato più naturale e salutare per il fabbisogno proteico. 3 porzioni quotidiane sono la razione consigliata e se ne può aggiungere una per pasto o due a pranzo per chi, come me, preferisce una colazione dolce. Le opzioni non mancano, tra ceci, fagioli borlotti, fagioli cannellini, fagioli di soia e suoi derivati (tofu tra tutti). A questi si possono abbinare 3 porzioni di cereali integrali. L’aumento dello spazio a scaffale nei supermercati dimostra come gli italiani abbiano capito il vantaggio in termini di maggiori fibre e non solo. Un gusto a cui è facile abituarsi.

Verdure a foglia, crucifere e altra verdura

Le verdure a foglia, 2 porzioni al giorno, permettere di immagazzinare clorofilla con proprietà antiossidanti, meglio se abbinate a una bella passeggiata al sole quando possibile. Altre 2 porzioni di verdura sono necessarie, alternando tra quelle che ti piacciono di più, in base al colore e alla stagione. Chi ha detto che una dieta a base vegetale deve essere noiosa? Un ulteriore aggiunta sono le crucifere, con proprietà uniche sul piano della prevenzione di molte malattie; tra broccoli, cavolo riccio, cavolo nero, cavolfiore, broccoletti, cavolo romano, le alternative non mancano.

Spezie ed erbe, semi di lino, frutta a guscio e altri semi

I semi e la frutta a guscio, in quantità moderate, permettono di apportare alla dieta quegli acidi grassi buoni, indispensabili per mantenere una dieta equilibrata. I semi di lino fanno storia a se, per le proprietà uniche che li caratterizzano e quindi andrebbero consumati tutti i giorni. Per quest’ultimi, il mio consiglio è di macinarne una certa quantità (interi si digeriscono in minima parte) e di aggiungerne poi due cucchiaini nei cereali a colazione o inserirli in dolci o altre ricette. Tra gli altri benefici, permettono di regolare la pressione sanguigna e ridurre il colesterolo. Le spezie e le arbe, da parte loro, permettono di stimolare l’organismo e potenziare le difese immunitarie. Un esempio? La curcuma.

Attività fisica e acqua

La dozzina si completa di due comportamenti quotidiani altrettanto importanti. Il primo è bere 5 bicchieri d’acqua al giorno. Considerato l’apporto di liquidi della frutta e della verdura, non serve bere di più, ma certo non fa male, soprattutto quando aumenta la sudorazione. Bere tanta acqua significa non aver bisogno di bere bevande zuccherate. L’attività fisica è il complemento ideale per ogni regime dietetico equilibrato. Per star bene sono sufficienti un’ora e mezza di camminata al giorno o 40 minuti di una camminata veloce.

Per concludere

Per aggiungere anni in salute, senza perdere il gusto per il mangiar bene, basta organizzarsi un po’. Fare il pieno di frutta e verdura fresca al mercato locale e tenere in dispensa altri cibi che ci aiutano a preparare pasti sani e gustosi. Riepilogo la dozzina del Dott. Michael Greger in maniera più schematica:

  • Frutti di bosco: 1 porzione
  • Frutta: 3 porzioni
  • Verdure a foglia: 2 porzioni
  • Altra verdura: 2 porzioni
  • Crucifere: 1 porzione
  • Legumi: 3 porzioni
  • Cereali integrali: 3 porzioni
  • Semi di lino: 1 porzione
  • Semi e frutta a guscio: 1 porzione
  • Spezie ed erbe: 1 porzione
  • Acqua: 5 bicchieri
  • Attività fisica: 90 minuti lenti o 40 minuti intensi

L’app Daily dozen, disponibile anche in italiano, permette di tracciare giornalmente cosa hai consumato, così da non perdere l’abitudine. Disponibile per iPhone e per Android.

Il segreto della longevità, tra alimentazione e stile di vita sano

Non fumare, avere una dieta più sana e almeno 30 minuti di esercizio fisico moderato al giorno tolgono il medico di torno… e aumentano la longevità. Secondo uno studio del Centers for Disease Control and Prevention americano, durato sei anni, questi tre comportamenti associati hanno ridotto la mortalità in quell'arco di tempo dell'82%. Non siamo immortali e non lo potremo essere, ma tutti possiamo puntare a vivere più a lungo e soprattutto più in salute. La teoria dei mitocondri, rispetto all'invecchiamento, suggerisce che i radicali liberi sono responsabili del danno che avviene a livello cellulare, proprio sui mitocondri, fonte dell'energia necessaria a svolgere tutti i processi vitali. Questo danno cellulare è la causa principale dell'invecchiamento. Lo stress ossidativo dei radicali liberi si contrasta con cibi ricchi di antiossidanti: i cibi di origine vegetale hanno in media 64 volte più antiossidanti dei cibi di origine animale. Per questo una dieta fondata su alimenti di origine vegetale - frutta, verdura, erbe, spezie - consente di godere dei benefici antiossidanti durante tutta la giornata, ogni giorno. La longevità è associata anche ad altri comportamenti associati al nostro stile di vita. Puntare a essere più longevo è anche alla tua portata. Vediamo come.

22 Aprile 2021 / Luca Conti

17 Consigli per gestire meglio il tuo peso

Gestire il proprio peso non è cosa facile. I lunghi periodi in casa non aiutano e lo stress da isolamento ci invita a mangiare di più per non pensare. Per non dire della pubblicità che ci invita a consumare, consumare, consumare, in ogni momento della giornata. Per fortuna che la ricerca scientifica ci viene in aiuto. In questo articolo trovi 17 consigli facili da implementare per gestire il tuo peso e, a parità di calorie introdotte, vedrai avere un vantaggio nel facilitare il raggiungimento del tuo peso forma. Sono comportamenti da attuare quotidianamente. Comincia con quelli che ti sembrano più facili e, una volta instaurata una nuova abitudine, prova ad aggiungerne un altro, fino ad arrivare a inserirli tutti nella tua routine quotidiana.

15 Aprile 2021 / Luca Conti

3 consigli per aumentare gli antiossidanti nella tua dieta

L'invecchiamento è causato dallo stress ossidativo, ovvero quel processo chimico che provoca un danno a livello delle cellule. Il modo più semplice con cui rilevare questo fenomeno sono quei punti della pelle che diventano di colore scuro: si tratta di accumuli di grasso ossidato sotto pelle. Lo stress ossidativo è associato alla comparsa delle rughe, alla perdita di memoria e al malfunzionamento degli organi interni con l'aumentare dell'età. Lo stress ossidativo è considerato anche una concausa dell'infarto. Un modo per ritardare questo inevitabile processo è il consumo di alimenti che contengono una elevata quantità di antiossidanti. Sostanze che contribuiscono a rallentare lo stress ossidativo e a mantenerci più a lungo in salute. L'ideale, per una dieta che promuove la longevità e il benessere è ridurre al minimo o azzerare il consumo di cibi che favoriscono l'ossidazione, ovvero carne, pesce, uova e latticini. Per bilanciarne l'effetto, per chi non ne vuole fare a meno, ecco tre consigli per ridurre lo stress ossidativo.

8 Aprile 2021 / Luca Conti