11 Maggio 2020 /Luca Conti

Come prepararsi alla prima lezione yoga e vivere felici

Lo yoga è una pratica che ha bisogno di pochi investimenti. Per cominciare a casa è sufficiente un tappetino e un abbigliamento sportivo da palestra: una tuta da ginnastica o pantaloncini e maglietta. Non servono né scarpe sportive, né calzini, perché lo yoga si fonda su posizioni in cui la percezione del terreno è fondamentale, per trovare equilibrio e baricentro. Oltre al tappetino possono essere utili altri accessori, per agevolare alcune posizioni, ma l’acquisto non è indispensabile. Un centro yoga in genere offre ai suoi frequentanti tutto il materiale necessario, tappetino incluso: se non intendi praticare yoga a casa, basta quindi un abbigliamento sportivo comodo e niente altro.

Il tappetino

Seppur lo yoga non sia da considerare una ginnastica, ma una ricerca dell’equilibrio e dell’unione tra mente e corpo, attraverso alcune posizioni, l’ambiente in cui si pratica dovrebbe avere una temperatura sufficiente a stare scalzi senza sentire freddo. Chi ha un pavimento di legno potrebbe anche fare a meno del tappetino. Per tutti gli altri è bene averne uno, per non disperdere calore e aumentare l’attrito che aiuta a mantenere l’equilibrio in alcune posizioni più sfidanti.

Sul mercato esistono tappetini di varie forme e colori. I fattori da tenere in considerazione sono:

  • lunghezza: devi poterti sdraiare senza toccare il pavimento;
  • spessore: più è spesso, più saranno comode le posizioni in cui ti troverai in ginocchio;
  • celle aperte o chiuse: il primo assorbe maggiormente il sudore e va pulito con attenzione, il secondo offre meno attrito ma in genere è più economico.

Il mattone yoga

Il mattone yoga (brick yoga in inglese), detto in italiano anche blocco, non è indispensabile per cominciare, ma può essere indispensabile, soprattuto ai principianti, per agevolare alcune posizioni. Dallo stare seduti eretti con le ginocchia appoggiate a terra, all’appoggio durante piegamenti quando non ti è possibile toccare terra, il mattoncino torna utile in varie situazioni. La schiena va tenuta sempre diritta e la posizione va tenuta senza sforzi. Il blocco, in questa chiave, diventa strategico.

Anche per i blocchi esistono vari materiali, ma fondamentalmente si dividono in due categorie:

  • mattone yoga morbido: il materiale è la schiuma EVA, materia plastica; la morbidezza può permetterne l’uso in alternativa a un cuscino, in alcune posizioni ed è meno caro;
  • mattone yoga rigido: svolge le stesse funzioni di quello morbido, ma i materiali con cui è realizzato – sughero o bambù – lo rendono più durevole ed è preferito da chi preferisce soluzioni naturali e sostenibili.

La cinghia

La cinghia rientra gli accessori non indispensabili, ma utili per i principianti. In alcune posizioni va tenuta una tensione negli arti e la cinghia è funzionale a questo scopo. La si può far passare sotto la pianta del piede quando la gamba è in tensione, sospesa in aria, o la si può usare quando la posizione prevede di prendersi con le mani, ma lo spazio che le separa è incolmabili, per mancanza di flessibilità. In tutte queste situazioni la cinghia aiuta a raggiungere la posizione con maggiore facilità e minor sforzo. Con la pratica e la pazienza, l’uso della cinghia sarà via via minore.

Il libro: Yoga for dummies

YouTube è pieno di lezioni gratuite, per principianti e non, ma prima di cimentarsi il mio consiglio è di prendere confidenza con le basi dello yoga attraverso un libro. In libreria ne trovi in quantità. Quello che ti consiglio è Yoga for dummies (Hoepli, 2017), scritto da Georg Feuerstein e Larry Payne, considerati tra i due maestri yoga più influenti d’America.

Si tratta di una guida completa, con tutto ciò che devi sapere sullo yoga, dalle posizioni più semplici, alle tecniche di rilassamento per evitare gli incidenti più comuni. Il libro comprende suggerimenti sulle posizioni migliori per tutti, dalle persone di mezza età a quelle in età più avanzata, fino a quelle per le coppie; non mancano consigli su come gestire con lo yoga i dolori cronici.

I cuscini

Per tutte le posizioni yoga da seduti, un cuscino aiuta a rimanere diritti con la schiena eretta, comodi e in grado di sostenere le posizioni senza sforzo. Ne esistono diversi, alti e bassi e in un negozio specializzato puoi trovare quello più adatto a te.

Essere una Famiglia green. Da dove iniziare per una vita più sostenibile

Sono in costante aumento le persone che cercano, attraverso gesti quotidiani, di ridurre il proprio impatto su questo mondo, già troppo destabilizzato da continui comportamenti sbagliati. Ma lo stile di vita sostenibile è quasi una regola quando si diventa genitori, azioni che per noi sono relativamente nuove, come la raccolta differenziata, devono apparire normali ai nostri figli affinché la nostra sia una famiglia green a tutti gli effetti. Al giorno d'oggi è possibile insegnare a tutta la famiglia a vivere in modo più sostenibile avendo solo qualche accorgimento.

8 Aprile 2021 / Angelica unastoriagreen

Bambini Green: consigli per crescere bambini che rispettino l'ambiente

Un bambino green è, prima ancora di essere rispettoso dell’ambiente, un bambino sorridente e che si sente al sicuro. Ogni bimbo ha diritto di esserlo, così come ogni genitore ha il dovere di prendersi cura di lui e dell'ambiente che lo circonda. Perché la natura ci regala una gioia indescrivibile e in cambio chiede solamente rispetto e cura.

15 Marzo 2021 / Angelica unastoriagreen

Il benessere passa per un microbiota soddisfatto

Come avviene per tutte le specie, animali e vegetali, anche l'uomo ha una relazione speciale, simbiotica, con un vasto insieme di microorganismi. I miliardi di batteri che vivono all'interno del nostro stomaco, noti come microbiota umano (o flora intestinale), sono responsabili di metabolizzare, detossificare e collaborare attivamente a vari processi che compongono il modo in cui ci nutriamo. Fare in modo che i batteri buoni vivano e prosperino è nel nostro interesse, perché ciò significa che possono aiutarci a rafforzare il sistema immunitario, migliorare la digestione e l'assorbimento di nutrienti, sintetizzare vitamine, inibire la crescita di possibili patogeni. Se i batteri cattivi prendono il sopravvento sono guai: a essi è associata la produzione di sostanze cancerogene, di tossine, l'insorgenza di infezioni e disturbi nella digestione.

8 Marzo 2021 / Luca Conti